Meccanismi di formazione di cisti in …

Meccanismi di formazione di cisti in ...

Astratto

cambiamento cistica nei linfonodi metastatici si verifica in alcuni tipi di tumori e soprattutto nel carcinoma a cellule squamose della testa e del collo. Nella maggior parte dei casi, il cambiamento psuedocystic è il meccanismo di formazione di cisti. Tuttavia, a volte si forma una vera cavità cisti. Questo evento è inspiegabile e alcune teorie vengono introdotti a spiegarlo. In questo articolo, gli articoli correlati e concetti introdotti sono rivisti e sono forniti i migliori conclusioni di ipotesi presenti. SCC Cistica in linfonodi cervicali è ormai considerato come una presentazione tipica di SCC metastatico derivanti in oro / nasofaringe. I veri cavità cistiche hanno un contenuto fluido eosinofila e presente meccanismo di trasporto attivo attraverso l’epitelio; Cytokeratin7 si esprime anche nel rivestimento di queste cisti, che è un indicatore accettato di differenziazione duttale. Queste sono tutte le prove di forza che mostrano salivari cellule di tipo ghiandola sono presenti tra le cellule tumorali. In effetti, alcuni carcinomi a cellule squamose, in particolare quelli provenienti da anello di Waldeyer, provengono da ghiandole salivari minori. L’altra probabilità è che questi tumori sono tumori di tipo transitorio, e derivano da cheratinociti trasformati, che hanno proprietà intrinseca per la formazione di cisti. Queste cellule maligne nei linfonodi, piuttosto che siti primari, hanno trovato la possibilità di esprimere la loro proprietà dei genitori.

diapositive virtuali

La slitta virtuale (s) per questo articolo può essere trovato qui:

parole

metastasi linfonodali cisti linfatica del tumore primario carcinoma a cellule squamose

introduzione

cambiamento cistica nei linfonodi metastatici si verifica in alcuni tipi di tumori ed è un fenomeno inspiegabile, site-specific che si verifica soprattutto nei linfonodi della testa e del collo regione. Si trova anche con la diminuzione della frequenza nelle regioni inguinali, ascellari e sovraclaveari. I tumori primari riportati sono più comunemente carcinoma a cellule squamose (SCC) e carcinoma papillare della tiroide. Come pure, le metastasi cistica sono stati riscontrati raramente in altri tumori come il carcinoma papillare sieroso dell’ovaio o dell’endometrio e melanoma maligno [1].

In caso di metastasi linfonodali cistica SCC, il tumore primario è solido [Figura 1] linfonodo tuttavia metastatico presenta una o più strutture cistiche [figura 2]. In questi casi, 72-90% dei tumori primari, quando rilevato, si trovano nel anello di Waldeyer (base della lingua, tonsille palatine, e rinofaringe) [2. 3]. Laringe, palato duro, tiroide, ghiandole salivari, seni [2. 4], del polmone, della cervice uterina [5] e l’esofago [6] sono gli altri siti probabili ma segnalati casi sono rari.

tumore primario; nidi tumori solidi in un caso di testa e del collo a cellule squamose carcinoma in posizione primaria .

linfonodo metastatico; strutture cistiche nel nodo metastatico linfatico cervicale lo stesso caso .

Sebbene il cambiamento psuedocystic è il meccanismo di formazione di cisti nella maggior parte dei casi [7], a volte si forma una vera cavità cistica. Questo evento non è ben studiato; tuttavia, alcune teorie vengono introdotti, che costituiscono la base di questo articolo.

metodi

Qui, una profonda revisione della letteratura è fornita e le principali concetti relativi meccanismi di formazione di cisti nei linfonodi metastatici di carcinoma a cellule squamose sono riassunti. Ci sono alcune differenze tra cisti reali e pseudocisti, che vengono presentati nella tabella 1. sito primaria e linfonodi metastatici sono ambienti diversi e hanno effetti diversi sulle cellule maligne; queste condizioni ambientali sono anche dimostrati nella tabella 2. Come pure, diverso contenuto genetico dei tumori primari e metastatici è considerato e associazioni probabili con formazione di cisti sono discussi.

Le differenze tra le cisti reali e pseudocisti nei linfonodi metastatici

Discussione

E ‘possibile che un carcinoma cistica in un linfonodo essere un tumore primario o avere origini da una ciste benigna già presenti nel linfonodo. Tuttavia, queste probabilità sembrano essere un’entità ipotetica, o un evento estremamente raro [7]. SCC Cistica in metastatici linfonodi cervicali è ormai considerato come una presentazione tipica di SCC derivanti nelle Oro / [7] rinofaringe. È stato suggerito che questo fenomeno è secondario al cambiamento pseudocistica e risultati dalla degradazione spontanea di cheratina e detriti cellulari all’interno del deposito linfonodo carcinomatosa [5]. Probabilmente formazione di cisti in questi casi può anche essere collegato al blocco improvviso del flusso linfatico, che passa attraverso un nodo che ha colonia metastatico. Questo fluido linfatico riempie uno spazio potenziale, che hanno cellule tumorali in periferia [8].

virus del papilloma umano e le metastasi cistiche di SCC

Alcuni studi hanno trovato associazioni tra cistica metastasi linfonodali e virus del papilloma umano (HPV) [2]. È stato osservato che le metastasi linfonodali da SCC HPV-correlati del tratto aerodigestivo superiore sono inclini ad essere cistica [10].

tipo di transizione di SCC e cistica metastasi

L’incidenza di linfonodo cistica derivanti dalla SCC dell’anello di Waldeyer è stato segnalato per essere alto come 37% al 62% di quelli con metastasi linfonodali [5. 7]. Thompson e Heffner [2] hanno trovato che i tumori primari di base della lingua che mostrano metastasi linfonodali cistica non sono un SCC solito. In realtà, sono tumori di tipo transitorio che si verificano alla base della lingua. La caratteristica unica di questo tipo è la sua propensione per moderatamente grandi metastasi cistica nei linfonodi cervicali [2]. Inoltre, gli spazi cistica e microcistiche sono spesso presenti nel carcinoma primario a cellule squamose di anello di Waldeyer. Pertanto, formazione di cisti è considerato come una proprietà intrinseca dei cheratinociti maligni di questi siti. Questi cheratinociti trasformati quando metastatizzare, mostrano modelli istologici delle loro cellule madre [7].

Il lume di pseudocisti è pieno di detriti cellulari e meccanismo di trasporto di qualsiasi fluido nel lume è passivo. D’altra parte, il lume di vere cisti ha un contenuto fluido eosinofila. Questo implica un osmotico / secretoria o un meccanismo di trasporto attivo attraverso l’epitelio come si vede nella salivari dell’epitelio della ghiandola e può avvenire attraverso le cellule delle ghiandole salivari sfollati [7]. Regauer et al [11] ha analizzato l’espressione cytokeratin7 (CK7), come un indicatore accettato per la differenziazione duttale, nei carcinomi primari e metastatici del anello del Waldeyer. CK7 è stato espresso in sottomucosa ghiandole salivari minori acini e dotti, ma non a livello dell’epitelio squamoso della superficie dell’anello di Waldeyer. Essi hanno scoperto che i carcinomi CK7-positivi hanno prodotto metastasi linfonodali cistica CK7-positivo. Sembra che alcuni carcinomi che si verificano nella zona anello di Waldeyer provengono da dotti escretori delle ghiandole salivari minori sottomucosa, CK7 espresso, e producono CK7-positivo cistica metastasi linfonodali [11].

In conclusione, una delle seguenti può spiegare il fenomeno della formazione di cisti reale linfonodi metastatici:

1. La presenza di cellule di tipo maligni delle ghiandole salivari che metastatizzano ed esprimono la loro proprietà dei genitori nei linfonodi (sulla base di Regauer et al. Studio [11])

2. cheratinociti trasformati che hanno proprietà intrinseche per la formazione di cisti diventare maligni e producono un tipo di transizione di carcinoma a cellule squamose (sulla base di Thompson et al. Lo studio [2]).

Ciò che è evidente è che né un normale SCC né tutti i cheratinociti possono produrre vere cisti in metastasi linfonodali.

Effetto ambiente linfatico sulla formazione di cisti

Per valutare l’effetto dell’ambiente linfatica sulle cellule tumorali, devono essere considerati i seguenti aspetti:

1. I linfociti intorno un SCC primaria sono responsabili per la presentazione silenzioso di un tumore [7]. linfociti tumore-infiltranti e una risposta infiammatoria marcata sono associati con risposta dell’ospite. Questo potrebbe tradursi in controllo della crescita locale del tumore e anche completa regressione del tumore; come in alcuni tumori testa e del collo [7] e il melanoma maligno [12. 13].

Analogamente, i linfociti influire sulle cellule tumorali metastatiche e cellule maligne potrebbe avere più basso tasso di crescita nei linfonodi che nel sito del tumore primario a causa della presenza della risposta immunologica evidente. Questo tasso di crescita inferiore potrebbe anche essere correlato al fatto che i linfonodi come molti altri siti metastatici, in contrasto con il sito primario, possono essere ambienti difficili per le cellule tumorali a crescere [14].

Per concludere, la frequenza di strutture cistiche nei linfonodi metastatici piuttosto che siti primari è dovuto alla presentazione più silenzioso del tumore e l’espressione di proprietà parentali.

luoghi metastasi a distanza e la formazione di cisti

I rapporti di caratteristiche cistica in poche sedi metastatiche distanti dal SCC oro / nasofaringeo a polmoni, pelle e ossa possono parlare contro la precedente affermazione che implica l’ambiente linfatica induce la formazione di cisti. Infatti, la formazione di cisti è la proprietà intrinseca delle cellule tumorali, è conservata e espresso in un ambiente permissivo del tessuto linfoide. Questo ambiente adatto potrebbe raramente essere presente in altri siti metastatici.

contenuti genetica dei tumori nei linfonodi primari e metastatici

Infine, più indagini sulla eterogeneità tra tumore primitivo e metastatico potrebbero aiutare a comprendere i meccanismi di metastasi in testa e del collo tumori [16], il modo in cui si spera si concluderà nel riconoscimento della progressione del cancro completamente.

Conclusione

Alcuni carcinomi a cellule squamose (SCC) hanno metastasi cistica nei linfonodi. La maggior parte di questi casi sono pseudocisti. Tuttavia, alcuni sono veri cavità cistiche. Ci sono forti evidenze che mostrano alcune delle SCC con vere metastasi cistica provengono da dotti salivari. L’altra probabile meccanismo della formazione di cisti reale è che questi tumori sono tumori di tipo transitorio piuttosto che un usuale SCC. Provengono da cheratinociti trasformati e hanno proprietà intrinseca per la formazione di cisti. D’altro canto, forte risposta immunologica ospitante è presente nei linfonodi; così le cellule maligne dei linfonodi hanno una minore velocità di proliferazione. Inoltre, le cellule metastatiche hanno meno cambiamento mutazionale di cellule del tumore primario. Questi possono portare alla presentazione silenzioso di tumore e l’espressione di immobili parentali nei linfonodi metastatici.

Elenco delle abbreviazioni

Carcinoma a cellule squamose

Papilloma-virus umano

Dipartimento di Patologia orale e maxillofacciale, Shahid Beheshti University of Medical Sciences

Riferimenti

  1. Ustn M, Risberg B, Davidson B, Berner A: Cistica Variazione metastatici linfonodi: una diagnosi errore comune in agoaspirato citologia. Citopatologia diagnostica. 2002 27: 387-392. 10.1002 / dc.10201. Vedi l’articolo Google Scholar
  2. Thompson LD, Heffner DK: L’importanza clinica di cistica carcinomi a cellule squamose del collo: uno studio di 136 casi. Cancro. 1998 82: 944-56. 10.1002 / (SICI) 1097-0142 (19980301) 82: 5lt; 944 :: AID-CNCR21gt; 3.0.CO; 2- #. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  3. Gourin CG, Johnson JT: incidenza di metastasi insospettabili in cisti cervicali laterali. Laryngoscope. 2000 110: 1637-1641. 10,1097 / 00005537-200010000-00012. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  4. Flanagan PM, Roland NJ, Jones AS: metastasi linfonodali cervicali che presentano caratteristiche di cisti branchiali. J Laryngol Otol. 1994 108: 1068-1071. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  5. Verma K, Mandal S, Kapila K: cambiamento cistica nei linfonodi con carcinoma a cellule squamose metastatico. Acta Cytol. 1995 39: 478-480. PubMed Google Scholar
  6. Goldenberg D, Sciubba J, Koch WM: metastasi cistica dalla testa e carcinoma a cellule squamose del collo: una variante malattia distinta. Testa collo. 2006 28: 633-638. 10.1002 / hed.20381. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  7. Regauer S, S Mannweiler, Anderhuber W, Gotschuli A, Berghold A, Schachenreiter J: cistica metastasi linfonodali del carcinoma a cellule squamose di origine anello di Waldeyer. Br J Cancer. 1999 79: 1437-1442. 10.1038 / sj.bjc.6690229. PubMed Central Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  8. Goldenberg D, Begum S, Westra WH, Khan Z, Sciubba J: Cistica metastasi linfonodali in pazienti con tumore della testa e del collo: un fenomeno HPV-associati. Testa collo. 2008 30: 898-903. 10.1002 / hed.20796. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  9. Cinberg JZ, argento CE, Molnar JJ, Vogl SE: cisti cervicale: il cancro fino a prova contraria. Laryngoscope. 1982 92: 27-30. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  10. Stelow EB, Jo VY, Stoler MH, Mills SE: Human Papillomavirus-associati carcinoma a cellule squamose del Superiore aerodigestivo Tract. Am J Surg Pathol. 2010 34 (7): 15-24. 10,1097 / PAS.0b013e3181e21478. Vedi l’articolo Google Scholar
  11. Regauer S, Beham A, Mannweiler S: espressione CK7 in carcinomi della zona anello del Waldeyer. Hum Pathol. 2000 31: 1096-1101. 10.1053 / hupa.2000.6279. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  12. Printz C: la regressione spontanea del melanoma può offrire spaccato Immunologia cancro. J Natl Cancer Inst. 2001 93: 1047-1048. 10.1093 / JNCI / 93.14.1047. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  13. Sengupta N, Macfie TS, MacDonald TT, Pennington D, argento AR: Cancro immunoediting e "spontaneo" regressione del tumore. Pathol Res Pract. 2010 15: 206 (1): 1-8. Vedi l’articolo Google Scholar
  14. Sasatomi E, Finkelstein SD, Bosco JD, Bakker A, Swalsky PA, Luketich JD: Confronto di perdita allele accumulato tra tumore primitivo e metastasi linfonodali nel II non carcinoma a piccole cellule del polmone fase: implicazioni per la tempistica di metastasi linfonodali e prognostico valore. Cancer Res. 2002 62: 2681-2689. PubMed Google Scholar
  15. Barker EV, Cervigne NK, Reis PP Goswami RS, Xu W, Weinreb io, irlandese JC, Kamel-Reid S: valutazione MicroRNA di lesioni primarie sconosciute nella testa e del collo. Mol Cancer. 2009 8: 127-133. PubMed Central Vedi l’articolo PubMed Google Scholar
  16. Baltaziak M, Duraj E, Koda M, Wincewicz A, Musiatowicz M, Kanczuga-Koda L, Szymanska M, Lesniewicz T, Musiatowicz B: espressione di Bcl-xL, Bax e p53 nei tumori primari e le metastasi linfonodali a cellule squamose orale carcinoma. Ann N S Acad Sci. 2006 1090: 18-25. 10,1196 / annals.1378.002. Vedi l’articolo PubMed Google Scholar

Diritto d’autore

Questo articolo è pubblicato sotto licenza di BioMed Central Ltd. Questo è un articolo Open Access distribuito sotto i termini della Creative Commons Attribution License (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0), che permette senza restrizioni l’uso, la distribuzione, e la riproduzione con qualsiasi mezzo, a condizione che l’opera originale sia correttamente citato.

Related posts

  • Linfonodale cisti

    Astratta Parole chiave: collo, la tomografia computerizzata (CT), linfonodi Tecnica normale anatomia normale linfonodi del collo Il gruppo cervicale anteriore (IX) è costituito da superficiali (Fig 4B.) E …

  • cisti ovarica maligna

    Niente panico. Le probabilità sono che è benigno e la cura adeguata in modo sicuro risolvere la condizione. Cisti ovariche si trovano nella maggior parte delle donne in pre-menopausa, con un massimo di 15 per cento di coloro che sono …

  • Come funziona cancerose gola cisti Presente, cisti in gola.

    E ‘raro per le cisti gola per essere cancerogene. Ma questa possibilità non può essere esclusa. Caratteristiche di cancro cisti Una cisti che è cancerogeno avrebbe mostrato le seguenti caratteristiche: può crescere in dimensioni …

  • Linfa cisti nodo, linfonodo cisti.

    ovariche-cisti Dopo una TAC fatta, il medico trovato ho avuto una cisti ovarica e molti linfonodi gonfi nelle zone dell’addome / inguine. Non sembrava troppo preoccupati, ma come lo sono io …

  • Hydatid Cisti di Milza una diagnosi sfida, milza cisti.

    Dipartimento di Medicina Interna, Università di Alabama a Birmingham, Health Center Montgomery, Alabama, USA 1 Dipartimento di Gastroenterologia, Sher-i-Kashmir Institute of Medical Sciences, …

  • Linfonodale cisti

    Ciao. Sono davvero sperando che qualcuno mi può dare qualche consiglio. Ho un linfonodo sul lato del collo che non è mai andato giù quando ero molto malato all’età di 7. Tre medici ha detto questo …