Come il latte materno protegge i neonati, latte naturale per i bambini.

Come il latte materno protegge i neonati, latte naturale per i bambini.

Alcune delle molecole e cellule nel latte umano attivamente aiutare i bambini doga le infezioni.

I medici sanno da tempo che i bambini che sono allattati al seno infezioni contratto di meno di quanto non facciano coloro che sono dati formula. Fino a poco tempo fa, la maggior parte dei medici presume che i bambini allattati al seno cavata meglio semplicemente perché il latte fornito direttamente dal seno è privo di batteri. Formula, che devono spesso essere mescolato con acqua e collocato in bottiglie, può diventare contaminato facilmente. Eppure i bambini che ricevono anche sterilizzati formula soffrono di più la meningite e infezioni dell’intestino, orecchio, le vie respiratorie e delle vie urinarie di quanto non facciano i giovani allattati al seno.

La ragione, si scopre, è che il latte materno aiuta attivamente i neonati evitare la malattia in una varietà di modi. Tale assistenza è particolarmente utile durante i primi mesi di vita, quando un bambino spesso non è possibile montare una risposta immunitaria efficace contro gli organismi stranieri. E anche se non è la norma nella maggior parte delle culture industriali, l’UNICEF e l’Organizzazione Mondiale della Sanità sia consigliare al seno per “due anni e oltre.” In effetti, la risposta immunitaria del bambino non raggiunge la sua forza fino all’età di cinque o giù di lì.

Hai visto
nostro sponsor
Terra Mama Baby Angel di
Prodotti naturali
per Infermieristica Mamas?

Una volta ingerito, queste molecole e cellule aiutano a prevenire i microrganismi di penetrare i tessuti del corpo. Alcune delle molecole si legano ai microbi nella intercapedine (lumen) del tratto gastrointestinale. In questo modo, bloccano microbi di attaccarsi e attraversando la mucosa-lo strato di cellule, noto anche come l’epitelio, che cavità linee del tratto digerente e altri corpo. Altre molecole diminuire la fornitura di particolari minerali e vitamine che i batteri nocivi bisogno per sopravvivere nel tratto digestivo. Alcune cellule immunitarie nel latte umano sono fagociti che attaccano direttamente i microbi. Un’altra serie produce sostanze chimiche che rinvigorire la propria risposta immunitaria del neonato.

Anticorpi latte materno

Le molecole di IgA secretorie passati per il lattante sono utili in modi che vanno oltre la loro capacità di legarsi ai microrganismi e tenerli lontani dai tessuti del corpo. In primo luogo, la raccolta di anticorpi trasmessi ad un bambino è altamente mirato contro gli agenti patogeni in immediate vicinanze di quel bambino. La madre sintetizza anticorpi quando ingerisce, inala o comunque viene in contatto con un agente patogeno. Ogni anticorpo lei fa è specifico per tale agente; cioè, si lega ad una singola proteina, o un antigene, sull’agente e non perdere tempo attaccando sostanze irrilevanti. Perché la madre produce anticorpi solo ai patogeni nel suo ambiente, il bambino riceve la protezione di cui ha più bisogno, contro gli agenti infettivi che è più probabile incontrare nelle prime settimane di vita.

In secondo luogo, gli anticorpi consegnati al neonato ignorare batteri utili normalmente presenti nell’intestino. Questa flora serve a spiazzare la crescita di organismi nocivi, fornendo così un’altra misura della resistenza. I ricercatori non sanno ancora come il sistema immunitario della madre sa fare anticorpi contro i batteri normali solo patogeni e non, ma qualunque sia il processo può essere, favorisce la creazione di “batteri buoni” nell’intestino di un bambino.

molecole di IgA secretorie mantenere ulteriormente un bambino dal male in quanto, a differenza di molti altri anticorpi, per tenere lontano le malattie senza causare infiammazione, un processo in cui varie sostanze chimiche distruggono i microbi, ma potenzialmente male tessuto sano. In budello sviluppo di un bambino, la membrana mucosa è estremamente delicata, e un eccesso di queste sostanze chimiche possono fare danni considerevoli. È interessante notare che, IgA secretorie probabilmente può proteggere le superfici mucose diverse da quelle nell’intestino. In molti paesi, in particolare in Medio Oriente, America occidentale del Sud e l’Africa del Nord, le donne mettono il latte agli occhi dei loro bambini per trattare le infezioni lì. Non so se questo rimedio è mai stato provato scientificamente, ma ci sono ragioni teoriche per credere che avrebbe funzionato. Probabilmente funziona, almeno qualche volta, o la pratica sarebbe estinta.

L’abbondanza di molecole utili

Diverse molecole nel latte umano, oltre IgA secretorie impediscono microbi di attaccarsi alle superfici mucose. Oligosaccaridi, che sono semplici catene di zuccheri, spesso contengono domini che ricordano i siti di legame attraverso cui i batteri entrare nelle cellule che rivestono il tratto intestinale. Così, questi zuccheri possono intercettare i batteri, formando complessi innocui che il bambino espelle. Inoltre, il latte umano contiene grandi molecole chiamate mucine che includono una grande quantità di proteine ​​e carboidrati. Anche loro sono in grado di aderire a batteri e virus e la loro eliminazione dal corpo.

le difese cellulari

Come è vero di molecole difensive, le cellule immunitarie sono abbondanti nel latte materno. Sono costituiti da globuli bianchi, o leucociti, che combattono le infezioni stessi e attivano altri meccanismi di difesa. L’importo più impressionante è trovato nel colostro. La maggior parte delle cellule sono neutrofili, un tipo di fagociti che circola normalmente nel sangue. Alcune evidenze suggeriscono che i neutrofili continuano ad agire come fagociti nell’intestino del neonato. Eppure sono meno aggressivi dei neutrofili nel sangue e virtualmente scompaiono dal latte materno sei settimane dopo la nascita. Così forse servono qualche altra funzione, come la protezione della mammella dalle infezioni.

Inoltre, i macrofagi nel tratto digestivo possono radunare i linfociti in azione contro gli invasori. Linfociti costituiscono il restante 10 per cento di cellule bianche nel latte. Circa il 20 per cento di queste cellule sono linfociti B, che danno luogo agli anticorpi; il resto sono linfociti T, che uccidono le cellule infette direttamente o inviano messaggi chimici che mobilitano ancora altri componenti del sistema immunitario. I linfociti del latte sembrano comportarsi in modo diverso da linfociti del sangue. Coloro che nel latte, per esempio, proliferano in presenza di Escherichia coli, un batterio che può causare la malattia potenzialmente letale nei bambini, ma sono molto meno reattivo di linfociti del sangue agli agenti che presentano meno minaccia per i bambini. I linfociti del latte producono anche diverse sostanze chimiche, tra cui gamma interferone, fattore di inibizione della migrazione e fattore che monociti chemiotattica possono rafforzare la propria risposta immunitaria di un neonato.

benefici aggiunti

Altri composti sconosciuti nel latte umano devono stimolare la propria produzione di un bambino di IgA secretorie, lattoferrina e lisozima. Tutte e tre le molecole si trovano in grandi quantità nelle urine dei bambini allattati al seno rispetto a quello dei bambini allattati artificialmente. Eppure i bambini allattati al seno non possono assorbire queste molecole dal latte materno nel loro intestino. Sembrerebbe che le molecole devono essere prodotti nella mucosa delle vie urinarie dei più giovani. In altre parole, sembra che l’allattamento induce un’immunità locale nel tratto urinario.

A sostegno di questa nozione, recenti studi clinici hanno dimostrato che il neonato allattato al seno ha un minor rischio di contrarre infezioni del tratto urinario. Infine, alcune evidenze suggeriscono anche che un fattore sconosciuto nel latte materno può causare i neonati allattati al seno per produrre più fibronectina da soli di quanto non facciano i bambini nutriti artificialmente.

Tutto considerato, il latte materno è davvero un fluido affascinante che fornisce i bambini con molto più di nutrizione. E li protegge contro le infezioni fino a che non possono proteggersi.

ulteriori letture

Related posts